Ope(rare) desideri…vizi, virtù?

Vanità

sguardi presuntuosi s’innamorano, si lodano

invaghiti di proprio.

Poteri e perdoni,

fanno inchini,

di arroganze e capricci.

Disarmato rimane sfrontato,

scostumato.

orchidee,

coralli marini, sabbiosi

gemme

e arte.

Venere superba

tutto è musa,

divina non si concede, allo specchio.

madre di astuzie

il suo apparire  prepotente

persuade,

fiero come giostra,

perfetto.

Desiderio

sfacciato sveste  gambe,

seni,  da pizzi che sanno di antico

e promettono,

da esplorare.

gelosi rasi e eleganti sete.

rossetti intonano lenzuola

e letti,

bagnati.

Intrigante è

tra donne fatali e virili esseri,

deboli al calore,

della pelle,

del piacere.

Indolente

Piume sospendono pensieri

in aria

trasportano

in riva

panorami accantonati.

e orologi

in gioco, carte

e balocchi.

Farfalla!

a gratuite oppressioni.

Miraggi sperati e obbligati

da giochi.

non dover fare,

pensare, dire,

più di un soave sbadiglio.

Bile

Ghigni, sussurri

nulla possiedi, tutto è castigo.

doppio il viso,

si nasconde, si arricchisce,

scappa.

covi

moine,

custodisci simulazioni.

cadi. crepi.

sottigliezze

grandi sorprese. Piccoli cenni.

e fuori splende.

malumori affogano

e attendono ore vivaci.

Poi impazienti spingono,

scoppiano tra le risate.

Libri impolverati, lettere rivelate

Appoggiate  tra la folla.

Dimenticate.

Si aprono, scuotono

e tendono mani.

Gesti di leggerezza saziano.

E sazio arricchisce.

Magia

Folle, insolente

sconvolge le  stelle,

gremisce le notti

di baci.

Imprudenti baci.

I suoi abbagli baciano.

Strega che altera

e Rinnova,

arde la sua tentazione

tra frastuoni

e segreti.

D’un tratto

si rapisce

anch’essa

di te.

A lui, trema.

Agli occhi.

irrequieti, importuni

invadono, inquietano.

Al loro riflesso

le stelle esitano,

si confrontano.

si specchiano.

Alle labbra.

Che mi congelano,

confondono, bagnano.

Ai respiri prolungati,

pende la luna smarrita,

delusa dai suoi stessi influssi.

Alle mani.

Strumenti esperti

si infilano, afferrano, accompagnano.

E si fanno cullare.

Al cuore.

Fremiti aspri

di pietra,

si spezzano,

s’incamminano

e ripartono.

Il sole,  bruciato, accecato

dal suo coraggio…

teme.

All’ anima.

tanto può,

tanto toglie.

chiede,  poco concede.

ispira,

è.

ruba sangue,

dona le sue voglie.

Il mondo impotente si ferma,

si disarma,

e si inchina.

mangiafuoco

trucchi da Maestro,

giocoliere,

sospesi fuochi e birilli.

Ruffiana pettegola solitudine.

incontentabili destini imbattono

inopportuni segreti.

Odoro le sue attese.

Dilettante appassionato,

tendi i fili.

Tutto in fumo

voluttà rara,

come un folle, a folle

confusione, ossessione,

di un desiderio 

che non è amore.

Immobile .

perdo la strada, inciampo,

vado, volo…mi rialzo.

Contraddizioni,

scogli, sudore , saliva,

fai gioco su di me.

Freni  che  isolano

rigano guance

e l’anima,

sospesa ancora…

scorrono spietate  tra anima e baci,

muoiono tra le labbra.

Lottano,

e il cuore stenta a riconoscere.

passaggi, autostrade,

ascensori,

nebbia,  bugie,

cemento,  storie, condomini,

e inconsce verità.

facce… sigarette.

Fumo pallido deluso,

 sale.

miraggio sfocato dal fondo di un bicchiere,

precipita.

Tollero, vago, difendo.

è un delirio nel tempo, lento.

Scomodo.

In  fumo

tutto si eleva,

si disperde,

scompare.

anche i nostri sguardi

ai prossimi.

e rincorrerli…

a rivederci.

Via

Le cose fatte

Le cose non fatte,

A cose fatte.

dolore e vuoto

nell’attesa della trasformazione,

in sorriso

meno aspro,

in ricordo

più lontano e più vivo.

è la tua voce che si allontana

e il suo timbro nella testa

fa disperare,

fa ridere

Sveglia….

Addormenta.

alle ore tarde.

dall’alba.

capelli, caffè,

pianeti, smalto,

bicchieri, macchie,

progetti, silenzi.

Onda,

che strappa,

Nasconde.

nell’aria aperta vago

passo dopo passo,

guardando in alto

non vedente

ti sento.

E’ altissimo.

mai così lontana

ma non così distante

più dentro che mai

di sempre,

ormai.

complicità immortale.

Manicomio

Dispensa di sorrisi

e tavole imbandite

dimenticate, appartate,

invase.

bottiglie vuote,

ricuciono l’anima

sfasciata,

sfacciata.

vapori di cucine

botole, fessure

polveri di stelle,

e di salnitro.

conservare,

il delirio culinario

di serenate,

ballate randagie,

botteghe di vinili.

E  vittorie  nomadi.

arrivare,

di passaggio,

restare

di terza…

sempre.

contemplare,

conversare,

versare!

tra le righe,

nelle rughe,

fra stoffe umide,

e l’avvenire.

ribaltare,

contraddire,

conturbare,

con turbante

versi

a metà.

verso la meta,

la metamorfosi.

ventuno grammi

Buio.

Passaggio…. vento forte.
tutto si muove,
tra le costellazioni,
sotto terra.

funamboli in equilibrio,
tra stelle e
pietre.

Inciampano,  Cadono, si Elevano….

Nascita di vetro.
traspare certezze,
rivela inganni.

Oscillazione,
Brividi.

concime putrido,
ricopre i polmoni,
riempie la gola.

Silenzio,
Giù,  in Basso.

di Passaggio….aria pura, forte,
s’ innalza.

vetro pesante, ancora,
si trattiene
e lo spirito,  leggero,
Vola!

e si trasforma,
muto,
in alto,
più su.

e si eleva,
e tramuta….

Luce.

Rapa Nui l’isola del mistero

Voli  Latam periodo ottobre

Cosa mettere in valigia

Scarpe da trekking, giubbino antivento, costume da bagno, crema protettiva solare.

Libri consigliati

Non sono libri ambientati all’Isola di Pasqua, ma sono molto adatti da leggere prima o durante questo viaggio mistico.

 La profezia della Curandera Hernan Huarache Mamani

Viaggi di Gulliver Jonathan Swift

Consigli pratici

Noleggiate in loco una jeep e girate Rapa Nui tranquillamente in autonomia, è molto piccola appena 80 km ed accessibile e sarete molto più liberi di avventurarvi nel cuore dell’isola.

Da non perdere

Tutte i siti più famosi delle statue Moai!

Ammirare il tramonto di Ahu Tahai

Partecipare allo spettacolo di danza tradizionale Kari Kari al ristorante Kanahau

Itinerario

Spiaggia Anakena

Rano Kau vulcano

Orongo

Ranu Raraku

Ahu Tongariki

Spiaggia Ovahe

Ahu Akivi

Maunga Terevaka

Ahu Tahai

Leggende

Avete presente quel sogno che avete nel cassetto? Quello più bello di tutti, il più atteso, che è lì da sempre accatastato in fondo,  altri col tempo riescono a  volar via felici, liberi , altri invece sono così preziosi che spesso è troppo difficile realizzarli.

Ecco il mio viaggio alla remota isola di Rapa Nui è uno di questi, la mosca bianca, il sogno tanto sperato, quello più sospirato.

Gli abitanti dell’isola sono molto legati alle loro origini e per loro è importante che venga denominata Rapa Nui, ovvero con il suo nome autentico, piuttosto che Isola di Pasqua, un nome dato solo in un secondo momento dai navigatori olandesi che l’hanno raggiunta, ma questo luogo esisteva già da tempo ed aveva una sua storia, le sue tradizioni nonché un suo nome polinesiano.

Ci sono tantissime leggende legate a questo popolo, alcune dicono che dal cielo giunsero degli uomini uccello, tangata manu, che potevano volare, il loro capo era il creatore dell’umanità ed i colossi di pietra venivano mossi grazie a forze misteriose che solo pochi monaci sapevano controllare e al momento della loro morte  alcune di queste statue rimasero incompiute, altre leggende narrano  che rimasero incomplete a causa di terremoti e tsunami devastanti che si abbatterono in questo luogo remoto, o a causa del suo stesso popolo autodistrutto da guerre, massacri, cannibalismo, altre storie  ancora raccontano  che l’isola sia ciò che resta del  grande continente Mu , antecedente persino alla stessa Atlantide, che venne sommerso a causa di un cataclisma, che i Moai rappresenterebbero capi tribù di indigeni morti e che siano un contatto tra il mondo dei vivi e quello dei defunti, protettori e guardiani dell’isola, portatori di benessere e prosperità nonché sentinelle collocate in punti precisi dove c’era la presenza di acqua.

Queste sono solo alcune delle storie che da secoli si tramandano da generazione in generazione, da libro a libro, da fantasia a realtà.

Io personalmente penso che sia impossibile decifrare  e scoprire la verità, ed è giusto così, l’attrazione per l’ignoto, il suo mistero, le sue leggende sono la forza, la bellezza di questo luogo che  ad ognuno di noi lascia un messaggio diverso e personale.  

L’energia che questo luogo sprigiona è talmente forte che la si può sentire scorrere dentro,  sono i Moai gli unici custodi di ciò che è realmente avvenuto e  se avessero voluto condividerlo con tutti,  avrebbero sicuramente lasciato più tracce,  la chiave per decifrarlo è dentro il cuore di ognuno di noi non è accessibile a chi non lo ascolta e si sa che  alla voce del cuore ed ai suo interlocutori non servono spiegazioni.

Viaggio

Dopo ben 15 ore di volo, partendo da Città del Messico facendo scalo a Santiago dl Cile, abbiamo finalmente raggiunto Rapa Nui, il luogo più solitario della terra, appena scesa dall’aereo,  atterrato in questo piccolissimo aeroporto in legno con un’ unica pista dove circolano gli unici voli dal Cile,  frastornata ma felicissima la prima cosa a colpirmi è la sensazione di benessere che ho provato ed un profumo dolce simile al curry mescolato con fiori, che mi ha completamente inebriato e che mi avrebbe accompagnata durante tutta la mia permanenza nell’isola.

Il personale della guest house Hostal y Cabañas Tojika ci è venuto a prendere, ci ha infilato una splendida collana di fiori freschi al collo e ci ha accompagnato alla struttura, sempre tutta in legno bellissima situata proprio di fronte all’oceano parecchio agitato! Il vento soffiava fortissimo, le onde ribelli si infrangevano sugli scogli, dalla veranda dove ci rilassavamo a leggere un libro si sentiva questo suono incessante del mare e persino dalla nostra camera.  http://www.booking.com/Share-RuZ0Gzn

La voce potente dell’oceano Pacifico ci avrebbe guidato per tutto il nostro breve ed intenso viaggio.

Ci troviamo ad Hanga Roa unica città dell’isola, prendiamo un autobus locale ed andiamo a visitare la mitica spiaggia di Anakena, una baia di sabbia bianca, palme da cocco e mare dalle acque fredde e di un vivido color turchese. L’entusiasmo è tanto quando arriviamo, corriamo verso i primi Moai che incontriamo, eccoli lì che ci osservano imponenti, maestosi, con l’oceano dietro di loro, sembrano sfidare il fato, le mareggiate, i pirati girando loro le spalle con fierezza e coraggio. Rimaniamo come ipnotizzati al loro cospetto, ci sediamo sulla spiaggia e restiamo  ore lì a contemplarli. 

E senza rendercene conto ne eravamo già completamente innamorati.

Il giorno successivo dalla meravigliosa signora della nostra Guest House  dai tratti tipicamente polinesiani, occhi scuri dallo sguardo penetrante, pareo floreale e fiore fresco in testa,  abbiamo noleggiato una fantastica jeep e con tanto di mappa eravamo più che pronti per  iniziare la nostra avventura on the road.

Come prima cosa abbiamo raggiunto il vulcano dormiente Rano Kau, la cui spettacolare eruzione avvenuta due milioni e mezzo di anni fa sembra aver creato questa magica isola, il suo enorme cratere ospita una laguna di acqua dolce, camminare lungo le sue pendici, guardarvi all’interno, intravedere dirupi e scogliere a capofitto sul mare agitato provoca turbamenti ed emozioni primitive.

Proseguiamo per  il vicino villaggio in pietra di  Orongo, da qui uno scenario panoramico e vertiginoso sull’oceano Pacifico, sembra veramente di stare in un piano di esistenza superiore, di essere più vicini al cielo, all’infinito a Dio. La vista è veramente sensazionale, da qui si possono vedere le tre isolette vergini di origine vulcanica in mezzo al mare, leggendarie in quanto qui si teneva la competizione degli uomini uccello, più valorosi si sarebbero dovuti calare dalla scogliera per raggiungere a nuoto l’isola di Motu Nui, prendere l’uovo di uccello e tornare indietro sempre a nuoto, scalando la parete rocciosa senza però infrangere l’uovo. Vedendo la posizione di questi scogli e l’agitazione del mare sembra alquanto improbabile riuscire in questa ardua  impresa, al solo pensiero rabbrividisco ed ho il capo giro, anche perché il vento soffia talmente forte che è difficile mantenere l’equilibrio.

Passando per magnifiche strade sterrate, facendo il giro dell’isola, costeggiando l’oceano onnipresente  arriviamo al sito di Ranu Raraku, un cratere vulcanico dove troverete centinaia e centinaia di teste che vi osservano, i Moai sparsi per tutta l’isola sono quasi un migliaio alti da dieci a venti metri e qui è il luogo mistico dove furono scolpiti quasi tutti e dove troverete “il Gigante” ovvero il più grande di tutti alto 22 metri che è ancora ancorato nella pietra originale,  i loro sguardi si  insinuano profondamente e passandovi accanto si  ha non solo la sensazione, ma la certezza di trovarsi in un luogo sacro, di avere la fortuna di essere accolti nel loro mondo, di poter passeggiare tra queste pietre rare, suggestive, immobili da sempre, ma come vive. Il vento continua a soffiare forte, il sole splende,  da qui la  vista è veramente unica, si distinguono persino in lontananza  l’Ahu Tongariki , i quindici Moai spiccano tra il verde delle dolci colline circostanti e l’azzurro dell’oceano, la loro vista da quassù è toccante, già da questa distanza incutono rispetto e timore, riprendiamo così il tragitto con la nostra impavida fuoristrada e li raggiungiamo.

A darci il benvenuto all’ingresso del sito c’è un grande Moai, un guardiano che ci lascia passare 🙂 anche se ormai sembra essersi abituati alla loro presenza camminando verso gli altri , verso i quindici, ci si rende conto che non è affatto così, l’impatto alla loro vista è disarmante e più siamo vicini maggiore è il senso di impotenza al loro fascino magnetico capace di turbare ed estasiare qualsiasi essere vivente dinnanzi a loro. A piedi scalzi mi siedo a gambe incrociate e rimango lì incantata, rapita,  non mi serve altro, solamente la loro presenza, la loro vista, tutto intorno è silenzio, il tempo sembra essersi fermato, ora siamo solamente il rumore del mare,  io e loro sulla terra, niente altro, nessun’altro, tutto il resto si è azzerato, tutto è niente al loro cospetto.

Passando dietro alle loro spalle si ha come l’impressione di essere ancora osservati, la sensazione di timore è ancora più forte, la loro presenza ancora più invadente, non si ha scampo.

Prima di tornare alla base decidiamo di avventurarci nella spiaggia di Ovahe, luogo nascosto, da conquistare e sconsigliato da molti per la sua posizione appena sotto uno strapiombo con pericolo di caduta massi, per arrivarci si cammina su un sentiero stretto che per un breve tratto passa tra le rocce dove c’è anche un crematorio ancestrale,  io personalmente penso che non sia così imprudente visitarla, l’importante è fare molta attenzione e ne vale assolutamente la pena.

Una piccola spiaggetta di sabbia rosa, una gemma nascosta, isolata, poco frequentata, dall’acqua cristallina e turchese, un piccolo angolo di paradiso dove passare un po’ di tempo in completa solitudine e relax, con il suono delle onde e la magia della minuscola baia segreta.

Il giorno seguente mi sono resa conto che non solo i Moai mi avevano abbagliato, ma anche il sole, con l’aiuto del forte vento, mi aveva praticamente bruciato la pelle, è molto importante mettersi una crema solare protettiva perché , anche se la temperatura non è alta, si rischia di scottarsi.

Raggiungiamo il sito archeologico di Ahu Akivi, qui ci sono gli unici Moai rivolti verso l’oceano, sette imponenti statue che in mezzo ad un enorme campo circondate dal verde,  scrutano il mare e l’orizzonte e il loro volto è rivolto esattamente in direzione del sole durante l’equinozio di primavera,  il nostro sguardo trasognato si mescola al loro perdendosi verso il Pacifico e verso il miraggio di terre lontane, troppo lontane da questo luogo così magico e solitario.

Seguendo poi a piedi un percorso abbastanza faticoso, in salita,  in mezzo alle campagne arriviamo alla vetta del vulcano estinto Maunga Terevaka, il punto più alto, il panorama è stupendo, la vista dall’alto consente di vedere le estremità dell’isola e ci si rende conto della sua piccola dimensione, della sua posizione remota, fuori dal mondo, come se appartenesse veramente ad un altro universo, sedersi ai bordi dell’immenso cratere, sentire l’antica forza incontenibile del vulcano, le sue vibrazioni, immaginare la sua originaria potenza ora spenta, placata, anch’essa nascosta giù nel profondo,  tra tutti gli altri misteri più intimi di Rapa Nui, dà una sensazione di impotenza e resa dinnanzi all’intensità di questo luogo.

Siamo quasi al termine di questo viaggio ai confini della terra, non possiamo certo perderci il magico tramonto di Ahu Tahai, un luogo affascinante tra luoghi cerimoniali sullo sfondo dell’oceano Pacifico, è qui che potrete vedere il Moai con gli occhi che sembra leggervi l’anima.

Vi consiglio di portarvi una bottiglia di buon vino rosso e di passare la serata sdraiati tra l’erba verde al cospetto di questo spettacolo raro e particolare aspettando il calar del sole che con i suoi raggi proietta sulle statue sfumature dorate a tratti rosa che trasportano in tempi lontani e perduti.

Partecipiamo infine ad uno spettacolo di danze tradizionali polinesiane Kari Kari cenando al ristorante Kanahau, dove ci truccano il volto con antichi simboli tipici guerrieri, i loro balli, i loro costumi piumati, i loro canti primitivi trasmettono tutta la loro fierezza, cultura, tenacia, trasmettono la loro connessione con la terra, gli animali, secoli di storia tramandati con orgoglio dalle loro generazioni.

Girando per l’isola è facile incontrare negozietti che vendono qualsiasi cosa, cartelli con su scritto: parrucchieria, depilazione e noleggio automobili nello stesso stabile o cambiare i soldi anziché in banca nei chioschetti dei benzinai, mangiando nei graziosi ristorantini in legno si possono gustare insalate di gamberi curry e patate fritte tutto mescolato insieme, Rapa Nui ha sua acqua, la sua birra, il suo vino “Anakena”.

Guidando per le strade brulle e sterrate si costeggiano scogliere poderose, altissime impressionanti, grotte sotterranee che sbucano sull’oceano tra onde dirompenti, si incontrano Moai sparsi dappertutto incompiuti, distesi a terra, punti magnetici come la sfera misteriosa Te Pito Kura, l’ombellico di luce, ci si imbatte in cavalli selvaggi che corrono liberi a due passi da te.

L’isola ci ha stregati.

Non c’è un limite, non si vede un’altra terra, l’orizzonte è a perdita d’occhio,  infinito, migliaia e migliaia di chilometri di acqua, cielo e niente altro non si vede niente altro, ma si sente tutto, si sentono tutti gli animali terrestri, tutti i pesci, tutti i volatili, le farfalle, i fiori, le piante, le voci lontane degli antenati, dei selvaggi, degli sciamani, dei guerrieri,  delle leggende tramandate, dei vulcani,  si sente tutta la forza di MadreTerra, della natura e di uomini uccello che hanno combattuto, nuotato, volato in nome di  questa terra tormentata e magnifica.

“….D’argilla, boschi, fango, da seme che volava
nacque la collana selvaggia dei miti:
Polinesia: pepe verde, sparso
nell’area del mare dalle dita erranti
del padrone di Rapa Nui, il Signor Vento.
La prima statua fu d’arena bagnata,
egli la formò e la disfece allegramente.
La seconda statua la costruì di sale
e il mare ostile l’abbattè cantando…
Ma la terza statua che fece il Signor Vento
fu un moai di granito, e questo sopravvisse…


…Quest’opera che lavorarono le mani dell’aria,
i guanti del cielo, la turbolenza azzurra,
questo lavoro fecero le dita trasparenti:
un dorso, l’erezione del Silenzio nudo,
lo sguardo segreto della pietra,
il naso triangolare dell’uccello o della prua
e nella statua il prodigio d’un ritratto:
perché la solitudine ha questo volto,
perché lo spazio è questa rettitudine senz’angoli,
e la distanza è questa chiarità del rettangolo….”

Pablo Neruda – La rosa separata

Nepal

Sempre più ottimista ho preparato un nuovissimo itinerario che spero di poter attuare già da quest’anno visto che il Nepal ha aperto le porte al turismo, per ora ci sono cinque giorni di quarantena da fare, ma forse per il prossimo novembre non sarà più così, naturalmente lo speriamo tanto ed ecco qui una bozza e qualche idea per un mistico e stupendo viaggio on the road  fai da te verso la mistica terra dell’Everest.

Periodo primi marzo festival Navadurga a Bhaktapur ( 15 km da Kathmandu ) oppure metà ottobre/novembre – 11 notti in loco

Come muoversi: pulmini / autobus da prenotare in hotel giorno per giorno oppure DRIVER PRIVATO

Kathmandu 2 NOTTI – ( oppure 1 NOTTE SE ARRIVO è DI MATTINA )

Dormire nel quartiere vecchio Thamel

La mattina visita il Tempio Pashupatinath ( cremazioni ) e la vicina Boudhanath Stupa,  a piedi o con minibus poi da Boudhanath Stupa Per tornare verso Thamel basta salire a bordo di uno degli autobus di linea blu e dirigiti verso Kathmandu Durbar Square per il tramonto quando la piazza si popola di gente

Swayambhunath Stupa (Monkey Temple) A PIEDI  da Thamel, sono infatti solo 3 km in mezzo a dei quartieri decisamente poco turistici oppure prendere uno dei numerosi minibus 

Visitare Namobuddha con autista privato a 40 km

NEPAL PAVILION INN

Apsara Boutique Hotel 

HOTEL MOONLIGHT

TALEJU BOUTIQUE HOTEL

Bhaktapur 1 NOTTE

a 15 km temple bus da da Bhaktapur Bus Park

Durbar Square –piazza Taumadhi – Pagoda di Nyatapola

Shiva Guest House 

Peacock Guest House

Indrayani Boutique Hotel

Kathmandu 1 NOTTE

***Vedere Kathmandu Durbar Square di mattina presto all’alba***

Patan Durbar Square  A 8 KM

Kirtipur città antica poco turistica a 5 km da Kath tempio di Tri RatnaDev Pukko (centro della città con annesso palazzo della regina), il tempio Bagh Bhairab e infine il tempio Uma Maheshwor prima di tornare a Kathmandu consiglio fortemente di mangiare al ristorante Newa Lehana, Raggiungere Kirtipur è davvero facile, i bus partono di frequente da Ratna Bus Park ed impiegano 25 minuti circa per raggiungere Naya Bazaar alla base della città antica, 20 rupie.

Chitwan National Park 2 notti ( 1 in lodge 400 euro – 1 in famiglia )

230 km – bus da Kathmandu la mattina bus turistici che partono da Kathmandu e Pokhara con destinazione “Chitwan National Park” scendono a Sauraha fermandosi però in una stazione a circa 7 km dalla città, da lì poi bisogna verosimilmente prendere un taxi.

SAFARI IN JEEP organizzati dal lodge rinoceronti, elefanti, tigri, coccodrilli

Oppure organizzare con getyourguide

https://www.getyourguide.it/parco-nazionale-di-chitwan-l2063/kathmandu-tour-di-3-giorni-a-chitwan-safari-t342886/

lodge Temple Tiger

https://www.greenjungleresort.com/our-villas

Shanta Ghar Resort alloggio in famiglia

Hotel Jungle Crown

Meghauli Serai Chitwan National Park – A Taj Safari Lodge

Pokhara e dintorni 3 NOTTI

Da parco chitwan con autista privato 150 km

Lakeside zona hotel

l’Annapurna Conservation Area 

Sarangkot Viewpoint all’alba vista spettacolare 20minuti in taxi poi nel pomeriggio quartiere tibetano periferico

Tempio Henja

pokhara Shanti Stupa, si tratta di una pagoda buddista 5 km a piedi da lakeside

escursioni sul Lago Phewa, al lago c’è pure un piccolo isolotto che ospita uno dei templi Hindu

Tal Barahi Temple con barca

Temple Tree Resort & Spa

Lake View Resort

Hotel Middle Path & Spa

Hotel Grand Holiday

Bandipur,1 NOTTE con autobus

tempio Thani Mai con una passeggiata di trenta minuti. 

Da Pokhara o Kathmandu prendi un qualsiasi bus diretto a Dumbre Bazaar o nella maggior parte dei casi un bus che passa per Dumbre Bazaar, da qui ci sono jeep condivise che partono relativamente di frequente verso Bandipur

Prendete il bus Kathmandu – Pokhara e dite all’autista di farvi scendere a Dumre, la trafficata cittadina lungo la “highway”. Da Dumre parte una strada a tornanti che sale sino a Bandipur (mezz’ora circa in auto). Potete prendere un’auto taxi al costo di 500 rupie oppure un minibus locale,

Hotel the old inn

https://rural-heritage.com/the-old-inn

Bandipur chhen

Bandipur Village Inn

Kathmandu 1 NOTTE con autista private 150 KM

Ritorno in Italia

Non vedo l’ora di poter partire e di conoscere questo popolo fantastico, pacifico e questa terra ricca di templi e antiche tradizioni….e che l’attesa sia breve!

ll vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi.
(Marcel Proust)

Bali

voli Cathay Pacific – periodo Giugno

Cosa mettere in valigia

Scarpe comode, pareo lungo per coprire le gambe, impermeabile, pantaloni lunghi leggeri,  costume da bagno

Libri consigliati

Mangia, prega, ama – Elizabeth Gilbert

La fine è il mio inizio – Tiziano Terzani

Siddharta – Hermann Hesse

Consigli pratici

Il modo più comodo e veloce per girare Bali è sicuramente noleggiare una macchina con autista privato per le distanze più lunghe, per quelle più corte potete muovervi anche prendendo un passaggio da un motorino.

Contrattate sempre prima il prezzo per qualsiasi cosa.

Coprite sempre le gambe con un telo prima di entrare in un tempio

Restate qualche giorno nella magica Ubud, è una città stupenda ed un punto strategico di partenza per le varie escursioni.

Il termine Pura corrisponde a Tempio, io ho salvato sul telefono tutte le foto dei templi che volevo visitare per farle poi vedere al mio autista.

Non occorre saper parlare bene l’inglese, la maggior parte dei balinesi non lo parla o lo fa a livello elementare, pertanto per comunicare affidatevi al vostro istinto, ai gesti,  a qualche parola in inglese recuperata qua e là e soprattutto a grandi sorrisi.

Da non perdere

Visitate tutti i templi più famosi, sono veramente splendidi.

Comprate degli incensi da riportare a casa.

Partecipate all’ecstatic dance allo Yoga Barn di Ubud.

Andare ad uno spettacolo di danze tradizionali al teatro Barong d Ubud.

Itinerario

Ubud da qui le varie visite:

Santuario Monkey Forest

Pura Tirtha Empul

Pura Ulun Danu Bratan

Pura Batur

Pura Besakih

Pura Tanah Lot

Pura Uluwatu

Spiaggia Jimbaran

Lovina

Pura Brahma Vihara­

Viaggio

Questa in assoluto è stata l’avventura più emozionante, mistica e straordinaria della mia vita.

Sono partita da sola, verso la lontana isola di Bali, dopo tutte quelle ore di aereo quando sono scesa stravolta  in Indonesia sono scoppiata a piangere di gioia e mi sono commossa; ho preso subito un taxi che dall’aeroporto mi ha portata alla magica Ubud, la prima cosa che ho notato le grandi rotatorie in mezzo al traffico impazzito con delle immense statue di Shiva o di altre divinità,   pioveva a dirotto quando sono arrivata in hotel , ero tutta bagnata, si era già fatto buio, il tempo di mangiare qualcosa e sono andata subito a dormire.

La mattina dopo appena alzata ho aperto subito la finestra,  pioveva ancora tanto purtroppo, il cielo era chiuso ed ho pregato l’universo che il tempo migliorasse presto, nel frattempo ( come non notarlo )  a darmi il benvenuto appeso sopra il mio balconcino, nonché sopra la mia testa,  una statua di legno del Dio della fertilità con dei riferimenti palesemente sessuali, sono scoppiata a ridere, ho indossato un’impermeabile, che per fortuna avevo messo in valigia e sono andata alla scoperta dell’isola!

In realtà nella cultura induista questo simbolo così esplicito è di buon auspicio ed è portatore di abbondanza, fertilità, luce saggezza e destino, è molto rispettato e lo avrei ritrovato spesso praticamente dappertutto, persino come portachiavi,  sempre in legno, ai mercatini locali.

Uscendo dalla mia camera, che era bellissima molto spaziosa tutta in legno, mi sono resa conto che  ero immersa nel verde, con la luce del giorno ho potuto vedere tutte le rigogliosissime piante intorno a me, una vera e propria foresta di alberi stupendi, fiori colorati, piccoli altarini ed incensi accesi, l’aria profumava di buono e la mia giornata, malgrado il tempo, sembrava prospettarsi  per il meglio.

Ancora estasiata dal giardino stupendo del mio hotel, sono andata alla reception richiedendo un autista privato che mi portasse in giro per i prossimi giorni a vedere tutti i templi che mi ero prefissata di visitare, l’attesa è stata veramente minima e dopo alcuni minuti è già arrivata una macchina con un conducente tutto per me, un signore di una certa età, un po’ taciturno, ma molto efficiente.

Come prima tappa ho scelto di andare al vicino Santuario Monkey Forest, un luogo meraviglioso una foresta rigogliosa, antica, nascoste tra le piante ci sono tantissime statue in pietra raffiguranti  draghi e divinità, ho fatto amicizia con le numerose scimmie che qui  sono le padrone indiscusse, ovviamente stando bene attenta ai miei effetti personali, in quanto come è ben noto sono un po’ dispettose e solite a rubare occhiali e quant’altro, ma devo dire che le scimmiette di questo tempio sono davvero  docili e adorabili.

Il tempo uggioso mi avrebbe accompagnato ancora per tutto il giorno, ma passeggiare tra questa splendida  giungla con il rumore della pioggia che si insinua tra le foglie degli alberi, il profumo dell’erba bagnata,  della terra umida e le scimmie a seguito, tra ponti intrecciati a radici giganti è veramente bellissimo.

E’ facile incrociare devoti che con i vestiti coloratissimi e le ceste in testa  camminano verso il tempio  per lasciare offerte e fare le loro preghiere e con mio grande piacere ho incontrato anche una coppia di sposi  che aveva scelto questa location incontaminata  per il servizio fotografico, non potevo non rubare una foto ricordo anche a loro.

Rimanendo sempre nei dintorni di Ubud ho proseguito le visite del mio primo piovoso giorno al Pura Tirtha Empul e sono rimasta completamente rapita da questo luogo dall’acqua sacra, il tempio è tra i più importanti di Bali, è circondato dalla sorgente del fiume Pakerisan che sgorga a fianco della montagna e al suo interno tra le affascinanti fontane circondate da offerte, fiori, incensi fumanti, avviene il rito di purificazione, ci si immerge nell’acqua che arriva ai fianchi nella vasca di pietra e a mani giunte e capo chino si fa il giro delle 13 fontane soffermandosi per alcuni secondi sotto ognuna di esse bagnandosi  i capelli, il viso, purificando il corpo e l’anima, ci sono tantissimi fedeli  intenti  a praticare questo cerimoniale, tanti altri  sono seduti sotto la pioggia a pregare e cantare davanti all’altare, visitare questo luogo e le sue tradizioni millenarie è  un’esperienza mistica e andando via mi sono ripromessa di tornare con il bel tempo per provare anch’io  il  rituale.

Proseguendo tra  strade immerse nel verde, tra colline, piantagioni di fragole e floride foreste raggiungo il Pura Ulun Danu Bratan un altro spettacolare tempio  galleggiante sul lago, nelle cui acque si rispecchia  la sua  figura spirituale, malgrado il cielo grigio sono circondata da un giardino verde brillante, coloratissime statue di legno e gesso raffiguranti dei,  serpenti e rane giganti, un vero eden misterioso celato tra montagne e vulcani. Prima di tornare  verso Ubud mi sono fermata a visitare il mercato del villaggio di Bedugul dove si possono acquistare frutti esotici e le famose fragoline.

Il giorno successivo,  con mia grande felicità e gratitudine, è baciato dal sole e lo sarebbero state tutte le mie prossime giornate balinesi, tranne l’ultima, l’universo ha ascoltato le mie preghiere 🙂 … quindi con gioia immensa e grinta da vendere salgo prontissima nel mio taxi personale per vivere impaziente le prossime magiche esperienze.

Passando per le meravigliose risaie, dove mi sono fermata ad ammirare la terrazza che lascia letteralmente senza fiato e dove ho acquistato al mercatino locale un sarong  per le gambe ed un satinior per la testa, ho raggiunto il tempio di Pura Batur. La strada da percorrere è tra le più belle e suggestive, ci sono degli altarini tra le montagne, i vulcani, i laghi, un panorama fantastico , dove donne del luogo lasciano offerte e bruciano incensi, il tempio è tra i più variopinti. Sono entrata e non c’era quasi nessuno,  le preghiere erano terminate da poco e gli ultimi fedeli con le ceste in testa stavano uscendo pian piano,  gli ultimi incensi si stavano spegnendo lentamente tra i piccoli canestri pieni di fiori e i petali donati, mi sono ritrovata praticamente sola in questo sito incantevole, si sentiva solo una musica, un mantra sottofondo che continuava a cantare magicamente intorno a me, sembrava fosse la voce degli Dei, giravo estasiata tra le enormi porte sacre, le statue di uccelli, cigni, elefanti dai colori vivaci, le fontane, le palme, sotto ad un cielo limpido azzurro,  con le lacrime agli occhi e riconoscenza nel cuore.

Dopo questa esperienza trascendentale  io ed il mio tassista continuiamo a percorrere assurde strade in mezzo alla giungla, tra motorini affollatissimi con a bordo anche quattro persone, processioni  di cerimonie funebri con tanto di cremazioni  lungo le vie e di matrimoni, capannoni adibiti a benzinai che vendono carburante in bottiglie di vetro accatastate numerosissime ai margini della strada, per raggiungere il Pura Besakih sulle pendici del vulcano Agung.

Sono fortunata, sicuramente oggi si svolgono dei  festeggiamenti divinatori e le strade sono già piene di  cortei di fedeli  induisti vestiti nei loro tradizionali abiti cerimoniali, donne meravigliose con ceste in testa che indossano camicie di pizzo gialle o bianche, con cinture di stoffa arancioni o blu, uomini dallo sguardo fiero con satinior in testa, che indossano camicioni ampi, tutti con i sarong dai colori e fantasie sgargianti persino i bambini più piccoli. Da questo tempio madre, salendo una scalinata tra statue di pietra e piante colorate,  attraversando  il portale si raggiunge la vetta sacra, a questo punto non mi resta che sedermi, in silenzio ed ammirare e venerare lo spettacolo dinnanzi a me,  le cime e l’eco sordo dei vulcani in lontananza, il mercato affollato all’ingresso, l’ampio piazzale alla base e la sfilata dei sorrisi luminosi dei devoti che salgono con adorazione i gradini che portano al paradiso e riscendono purificati verso la redenzione, alla vita terrena.

Il giorno dopo mi sono svegliata alla luce di un sole splendente, ho indossato un abito lungo  bianco  con il mio nuovo satinior dai ricami dorati in testa,  destinazione tempio di Tanah Lot, uno spettacolo veramente fuori dal comune.  Questo tempio induista è  situato in cima ad un’imponente formazione rocciosa in mezzo all’oceano pacifico, una leggenda narra che il saggio Dan Hygang Nirartha durante uno dei suoi viaggi si imbatté in questo luogo splendido e vi rimase, effettivamente a vederlo si capisce il perché e vien voglia di fare altrettanto. Il tempio è accessibile solamente ai fedeli , ma vale comunque la pena vederlo anche solo da fuori,  collocato su quest’isoletta remota e solitaria, tra rigogliose piante e prorompenti onde che sbattono impetuose sulla roccia, evoca pensieri lontani e malinconici.

L’altro tempio raggiunto è quello di Uluwatu, all’ingresso mi danno una cintura di stoffa arancione da indossare, inizio poi a camminare verso la maestosa scogliera a picco sul mare, il vento soffia forte, incontro parecchi macachi grigi abbastanza molesti  che mi sembrano subito meno docili delle scimmie conosciute precedentemente al tempio di Ubud, pertanto cerco di starne alla larga, di non disturbarle e nascondo subito i miei occhiali da sole ed il mio cellulare, facendo molta attenzione a fare le foto.

Continuo ad avanzare, il panorama è mozzafiato, ci sono piccoli altarini di legno con le solite offerte ed incensi consumati dalla potente brezza, posizionati proprio sull’orlo della scogliera rocciosa e le onde che vi si infrangono sono veramente inquietanti, la forza della  natura infonde agitazione e pace allo stesso tempo, quando finalmente scorgo il surreale tempio lassù in alto, che sembra toccare il cielo, sembra così irraggiungibile, inviolabile a noi comuni mortali l’emozione è forte, in realtà anche questo luogo è accessibile solamente ai religiosi induisti, ma per me resta un sogno intangibile, arroccato in un miraggio,  il tempio degli Dei, accessibile solamente al vento, alla pioggia e sogni proibiti.

Lascio questo luogo incontaminato e per raggiungere la mia prossima destinazione, come per i templi precedenti, il traffico è veramente insostenibile, il giorno prima per rientrare al centro di Ubud ho impiegato più di un’ora di taxi solo per percorrere due o tre chilometri, la circolazione è completamente bloccata, congestionata, ci sono tantissimi mezzi , alcuni improbabili, dai già citati sovraffollati motorini, ai pick up che trasportano di tutto, verdura, galline, frutta, persone e  i taxi, un delirio di smog e clacson assordanti e le macchine che si muovono a passo d’uomo.

Decido quindi una volta raggiunta la spiaggia di Jimbaran di fermarmi qui a dormire,  anche se non era previsto,  per godermi con calma le ore successive senza  dover affrontare la stressante strada del ritorno, liquido  il mio caro tassista ringraziandolo per il servizio di questi giorni, non lo avrei più rivisto, scendo così dalla macchina senza sapere di preciso dove andare ed affidandomi all’istinto mi avvicino alla spiaggia.

Vago per un po’ nella via principale cercando un hotel, finalmente lo trovo a due passi dal mare e sembra anche bello ed accogliente, c’è pure una piscina, ma io non ho nulla con me, solamente i soldi, pertanto cammino un po’ per le vie deserte in cerca di un negozietto e dopo un po’ di tempo lo trovo. Ora ho tutto ciò che mi serve, il mio portafoglio, un costume da bagno e tanta voglia di godermi il tramonto in santa pace. Cammino tranquilla affondando i piedi scalzi nella sabbia morbida e calda, ci sono tantissimi ristorantini proprio sulla spiaggia, qualcuno passeggia a cavallo, i bambini si divertono a giocare a palla, si vedono gli aeroplani in fila pronti a decollare dal vicino aeroporto, ecco che uno ad uno prendono il volo mescolandosi ai gabbiani, mi siedo ed il mio sguardo si perde all’orizzonte, al sole che scende verso un altro giorno che sta per terminare, ma non ancora, mi aspetta una delle cene più sensazionali e romantiche in riva al mare. Scelgo uno dei tanti localetti e mi gusto una buonissima aragosta ed un ottimo cocktail al tramonto, la bassa marea, i piedi sul bagnasciuga, una candela accesa e l’ottima compagnia di me stessa, una cena sentimentale con la mia anima, e la forza dell’amore  incondizionato verso me stessa che solo il coraggio di intraprendere un viaggio in solitaria può concedere.

Passando per la spiaggia, sandali alla mano, arrivo al mio hotel, non c’è nessuno in piscina, faccio un bagno rigenerante e me ne vado a letto felice di questa nuova gratificante giornata trascorsa.

Al risveglio il mio primo pensiero va alla ricerca di un nuovo passaggio  per tornare ad Ubud dove avrei trascorso l’ultima notte, proprio di fronte al mio hotel  nel parcheggio del benzinaio ci sono parecchi taxi, trovo subito un ragazzotto grande e grosso, insomma di una certa stazza e il suo sorriso non è da meno,  che mi ispira subito fiducia e mi accordo con lui per tornare ad Ubud e per raggiungere Lovina il giorno successivo. Mi trovo a subire nuovamente le solite folle  ore in mezzo al frenetico traffico,  il mio nuovo autista è rilassatissimo, sicuramente abituato a questo caos, parliamo in una lingua sconosciuta per farci capire, lui ride sempre e quando capisce, non so come, che amo lo yoga  mi mette una musica di mantra balinesi che per ore ed ore, anche il giorno successivo, mi accompagnerà insistentemente durante tutti i tragitti in macchina, è piacevole come suono ma ammetto che dopo un po’ risulta leggermente ridondante e mi scappa un sacco da ridere, è tutto molto buffo e molto balinese, il contrasto tra l’atmosfera di  melodie spirituali all’interno dell’abitacolo ed il trambusto delirante sulla strada all’esterno è a dir poco grottesco! Ma noi avevamo la protezione di  talismani e cimeli vari che invocano le molteplici divinità induiste appesi all’interno del veicolo…

Avrei passato quindi l’ultima serata nella mia affezionatissima Ubud, al pensiero ammetto che il mio cuore ha vacillato un po’, ammetto che forse sarebbe stato più pratico trascorrere solo i primi giorni qui, per poi andare a Lovina e raggiungere direttamente  la spiaggia di Jimbaran gli ultimi giorni essendo più vicina all’eroporto, sicuramente ho sbagliato qualche calcolo, ma il bello del viaggio è anche questo e non mi sono per niente pentita di aver dedicato più tempo ad Ubud. Perché?  Non mi sono per niente pentita di essere rimasta più notti a dormire qui perché ho potuto vivere questa città in piena tranquillità ed autonomia semplicemente passeggiando, è una città incantata, colma di misteri e giardini segreti, ho amato perdermi tra i suoi cortili nascosti, dove mi sono imbattuta in veri e propri eden esotici, tra pipistrelli, uccelli e fiori giganti, in ogni singolo angolo di questo luogo magico, dietro ogni cancello, aprendo ogni portone,  ho potuto trovare una meraviglia, i piccoli suggestivi templi sparsi dappertutto, in tutte le viette, all’interno delle case, dei negozietti, dentro ogni garage e benzinaio  tra le macchine ed i motorini ho potuto scrutare una statua del Ganesha, un altare inghirlandato, corone di fiori colorati. Ho adorato questa città, passeggiare tra i suoi mercati, sentirne il profumo di antico, di incensi, di fede, tutto ciò ha provocato  in me una sensazione intima, secolare.

Per le stradine devo stare attenta a dove metto i piedi perché ci sono  tantissime offerte e cestini sparsi sui marciapiedi, la mattina presto è solito vedere donne che  tra preghiere e fumi di palo santo appoggiano i cestini di fiori a terra,  ho incontrato spesso dei negozietti di statue divine, centinaia di statue di ogni dimensione sparse sui marciapiedi, negozietti di incensi , ristorantini adorabili dove ho assaggiato del cibo delizioso e speziato.

Ogni sera dal mio hotel raggiungevo a piedi il piccolo centro e da qui sceglievo il localetto dove cenare, mi sono sentita sempre protetta, al sicuro in questa città sacra, ospitale, pura, il vero cuore di Bali. Ad Ubud, nel Teatro Legong  ho potuto assistere alle danze tradizionali balinesi che sono delle vere e proprie rappresentazioni teatrali, tra maschere, draghi, costumi sfarzosi, trucchi esagerati, raffinati movimenti delle dita, complicati giochi di gambe ed espressioni facciali molto accentuate,  gesti armonici che racchiudono tutta la storia e le usanze di questo meraviglioso, sorridente e pacifico popolo.

Il prezioso tempo in più mi ha anche permesso di tornare, come da mia intensione, al Pura Tirtha Empul in una bella giornata calda di sole e di immergermi nella sacre acque delle fonti purificatrici tra i fedeli balinesi ed i loro sempre presenti sorrisi rassicuranti e benevoli, è stato molto coinvolgente e toccante, ho sentito una connessione potente e spirituale con questo magico luogo e questa paradisiaca e speciale isola.

E poi ad Ubud c’è lo Yoga Barn, un luogo senza tempo, una vera e propria guarigione per il corpo e per l’anima, solamente  il venerdì  pomeriggio si tiene un evento molto particolare a cui solo poche persone possono accedere, ho preso un passaggio dai vari “tassisti” in  motorino e sono andata a vivere questa esperienza unica ed indimenticabile, difficile da spiegare a parole ( ne ho  parlato in maniera più approfondita nell’articolo che troverete nella pagina “Festival Dal Mondo: The Yoga Barn” ).

Lovina si trova a circa 80 km da Ubud, nel tragitto mi sono fermata in una piccola azienda agricola immersa nel verde ad assaggiare il tradizionale caffè Kopi Luwak, prodotto con chicchi di bacche ingerite e defecate da questo adorabile animaletto denominato Musang simile ad una marmotta. La bevanda dal sapore intenso è buonissima, ne ho assaggiato vari tipi, ho tostato in padella i cicchi di caffè insieme ad una vecchietta, ho mangiato anche dei tipici dolcetti, sembravano foglie di pianta grassa, un po’ viscidi ma molto buoni, non è stata una brutta esperienza, ma sinceramente sono rimasta un po’ turbata nel vedere questi poveri esseri viventi chiusi in gabbia e per questo motivo non la rifarei.

Lovina è una località balneare che possiede una lunga lingua di spiaggia nera che collega diversi piccoli villaggi, da dove si può vedere in lontananza il vulcano e da dove partono escursioni all’alba in barca per l’avvistamento dei delfini. Qui nello splendido hotel Puri Bagus  https://www.puribaguslovina.com/

immerso in uno stupendo giardino con tanto di piccoli altari addobbati, ho trascorso gli ultimi due giorni del mio viaggio in pieno relax e abbandono, passeggiando scalza tutto il giorno, con fiori freschi dietro l’orecchio, facendo bagni nella piscina bordo mare,  leggendo Siddharta, praticando yoga al tramonto, mangiando divino pesce fresco e facendo la doccia tradizionale all’aperto, sotto le stelle tra pareti di pietra. 

Qui ho conosciuto una famiglia splendida che aveva un negozietto proprio all’uscita dell’hotel che vende di tutto dal tè agli incensi,  ho fatto amicizia con la signora Yuli,  i suoi meravigliosi figli ed il marito Adi, che ha un’agenzia che organizza tour ed escursioni e che vi consiglio vivamente di contattare per un vostro eventuale viaggio a Bali ( A-Leo 0062 81916342061).

Ogni sera lei mi ha accompagnato con il motorino al villaggio vicino dove facevo compere al mercatino o girovagavo per il localetti e poi mi ripassava a prendere e al ritorno mi fermavo con loro a giocare con i bambini, e a bere del tè caldo che con tanto amore mi preparavano , a chiacchierare, nella solita lingua magica dei gesti, sorrisi e qualche parola di varie nazionalità recuperata qua e là, il linguaggio dell’amicizia, del rispetto, dell’amore.

A Lovina c’è anche un bellissimo tempio buddista il Brahma Vihara con le sue campane e statue del Buddha giganti, anche qui sono stata molto fortunata e sono capitata mentre i monaci, con le loro vesti arancioni, preparavano ed allestivano delle decorazioni floreali dorate per un festival, li ho visti pregare, ridere e scherzare tra loro e mi hanno permesso di fare una foto,  ricordo indelebile,  insieme.

Arriva così il momento di lasciare l’isola di Bali, il taxi mi passa a prendere al mio hotel di Lovina, Yuli e la sua famiglia mi aspettano fuori, ci abbracciamo forte, ci stacchiamo a malincuore, salgo in macchina e vedo tutta la famiglia lì, ad agitare le mani per salutarmi, inevitabilmente le lacrime iniziano a scendere ininterrottamente sulle mie guance, sorrido verso di loro e guardandoci negli occhi lucidi, nella nostra lingua magica dell’amore, senza dir niente ma dicendoci tutto ci diamo l’addio.

Il percorso a ritroso per tornare è stato veramente lungo e scapicollato, la pioggia è tornata incessante e molto abbondante  a darmi la benedizione per la partenza,  come anche al mio arrivo, il traffico più caotico del solito, , le strade tutte allagate, l’acqua scura e fangosa arriva fino agli ingressi dei locali al pian terreno, la gente a chiacchierare seduta a terra con le gambe a mollo fino al ginocchio, io sempre più angosciata per il ritardo assurdo e la paura di perdere l’aereo, quando manca poco meno di un chilometro all’aeroporto  scendo dal veicolo, prendo la valigia e come una matta inizio a correre trafelata in mezzo al traffico, alla gente, alla pioggia, arrivo stravolta,  con il fiato corto e tutta bagnata per scoprire che non ero in ritardo solo io, ma fortunatamente anche il mio volo.

Di nuovo Bali mi ha fatto sorridere, mi è venuta incontro, non mi ha ostacolata, ha letto la mia anima, ascoltando le mie paure aiutandomi a non farmi limitare da esse,  ma insegnandomi ad avere fiducia in me stessa, nel viaggio, nell’isola, nell’amore incondizionato dell’universo nei confronti di chi, umilmente con il cuore limpido,  colmo di gratitudine e stupore, ama osare e scoprire con rispetto e fiducia, nuove terre, nuovi orizzonti, nuovi limiti da superare.

Ovunque tu vada, vacci con tutto il tuo cuore.
(Confucio)

Hanami

Siamo ai primi di aprile e durante questo magico periodo primaverile in tutto il Giappone si festeggia l’Hanami ovvero la fioritura dei Sakura, i ciliegi, una tradizione antica più di un millennio, in questo periodo nei parchi più famosi tutti i giapponesi, gruppi di amici, famiglie intere si riuniscono per ammirare insieme la fioritura, parecchi gruppi di vecchietti a giocare a carte a chiacchierare, facendo dei pic nic sotto gli alberi tra i petali rosa accomodandosi su delle enormi coperte di plastica azzurre.

Il momento del petalo che si stacca dal ramo e cade a terra è un attimo sacro, il tempo sembra scorrere più lento e la malinconia che evoca è la metafora della vita, il ciclo naturale della morte.

Una leggenda narra che ogni fiore di ciliegio ha un colore diverso, sotto ad ogni albero di ciliegio giace lo spirito di un guerriero e più il fiore è di un colore acceso, più il guerriero era valoroso, nei parchi di Tokyo potrete apprezzare migliaia di alberi e di fiori dalle diverse sfumature del bianco, rosa e magenta, i tappeti di petali che si formano a terra sembrano infiniti e sembrano indicare un percorso magico verso mondi incantati e segreti.

Abbiamo acquistato anche noi la nostra coperta-tovaglia azzurra nelle numerosissime bancarelle che le vendono, insieme a i bonsai, ventagli e tante altre deliziose cianfrusaglie giapponesi, abbiamo raggiunto parco Ueno ed abbiamo scelto il nostro albero di ciliegio preferito, o meglio lui ha scelto noi per sederci sotto di esso e goderci lo scenario splendido unico al mondo, emozionante, favoloso e a fare il nostro pic nic con il pesce e le fragole fresche appena acquistati al mercato, il kit kat e la coca cola sempre alla fragola nelle loro edizioni straordinarie introvabili appositamente dedicate all’Hanami.

Altri luoghi straordinari a Tokyo dove poter godere a pieno lo spettacolo naturale dell’Hanami sono il parco Shinjuku gyoen uno dei più grandi e romantici, immerso in migliaia di specie diversi di ciliegi in fiore, nel cinguettio degli uccelli, boschetti tranquilli e giardini tradizionali giapponesi, un vero paradiso terrestre dove grazie a degli altoparlanti sotto fondo si sente anche una soave musica che rende tutto ancora più suggestivo, sembra di sentire il canto dei ciliegi, la voce dell’Hanami che prende vita. C’è poi il parco Inokashira, dove potrete passeggiare nei pressi del lago e la sorgente del fiume Kanda sempre inebriati dal profumo inconfondibile dei fiori di ciliegio e dove potrete fare un giro del lago con i buffi pedalò a forma di cigno, un punto panoramico speciale dove potrete contemplare il pittoresco contrasto degli austeri grattacieli circondati dai dolci alberi fioriti.

Un altro punto perfetto per ammirare l’esplosione della  magica primavera giapponese è il distretto Nakameguro con i sentieri che fiancheggiano il fiume e dove i rami dei ciliegi in fiore formano dei suggestivi tunnel, i negozietti locali vendono libri d’arte, birre artigianali e ci sono degli ottimi bistrò tradizionali giapponesi dove poter mangiare qualcosa sotto l’ombra rassicurante dei fiori.

Per non parlare delle affascinanti viette fiorite di Kyoto o del fiabesco parco di Nara e del sogno ad occhi aperti che si vive ritrovandosi a passeggiare nel parco tra i ciliegi fioriti ed i cervi, un vero e proprio dipinto,  gli alberi in fiore sono tantissimi ed ancora di più lo sono i cerbiatti che ti girano intorno e che si fanno tranquillamente accarezzare talmente sono abituati a prendere coccole da tutti.

L’Hanami, un dono immenso che madre natura ogni anno ci rinnova, l’alito profumato dell’aria, il canto incantato della primavera, del miracolo della rinascita dei Sakura, nonché della loro morte, l’abbandono dei suoi petali leggeri, il loro viaggio verso l’infinito, il lasciarsi andare al vento, alla terra, al destino, così come noi, i petali impotenti, disarmati  non devono avere  timore di andare incontro alla loro sorte, di perdersi nell’ignoto per potersi ritrovare, per poter rincontrare la loro anima e realizzare l’unione con essa e allo stesso tempo con l’universo intero.

L’Hanami ci insegna ad avere fede in noi stessi, a non avere paura.

Tra i fiori il ciliegio, tra gli uomini il guerriero.

Giordania on the road

Ed eccomi qui ancora a progettare un altro dei miei prossimi viaggi, questa è una meta che avrei dovuto raggiungere lo scorso anno e che per ovvi motivi non ho più avuto il piacere di visitare, quindi incrociamo le dita sperando che entro fine 2021 questo mio piccolo sogno, che sicuramente è lo stesso di molti di voi, si possa avverare!

Qui di seguito troverete una bozza di itinerario on the road e fai da te per girare la Giordania in autonomia con la macchina, passeremo per magica Petra, dormiremo nel deserto e perché no ci rilasseremo anche un po’ in spiaggia.

7 NOTTI  OTTOBRE o NOVEMBRE

o MAGGIO/GIUGNO

AEROPORTO DA AQUABA O AMMAN

 NOLEGGO AUTO DA AEROPORTO

https://www.rentalcars.com/it/city/jo/amman/

JORDAN PASS  100 euro a testa

https://www.jordanpass.jo/

SCHEDA TELEFONICA PER MAPS

Compagnia telefonica Umniah si compra in aeroporto Tourist Line 10 Days circa 20 euro

Itinerario ( così o a ritroso da Aquaba )

Madaba

Mar Morto

Little Petra

Petra Wadi Musa

Deserto Wadi Rumm

Aquaba

Madaba

MADABA – 40 KM  da  aeroporto Amman– 1 NOTTE

Chiesa san giorgio

Hotel Mosaic city 80 euro

MAR MORTO – 40 KM  – 1 NOTTE

Free beach dead sea – oppure AMMAN BEACH

Strada panoramica King’s highway 135

MAR MORTO regole:

sciacquarsi subito dopo con acqua dolce

non mettere testa sott’acqua

non ingerire acqua

non entrare in acqua appena rasati o con ferite

legare i capelli

Hotel Ma’In hot springs 160 euro

LITTLE PETRA – 200 KM – 1 NOTTE

Castelli kerak – shobak – little Petra

Hotel little Petra bedouin camp 80 euro

PETRA – WADI MUSA – 10 KM – 1 NOTTE

Itinerario:

ENTRATA SIQ

STRADA FACCIATE

TEATRO ROMANO

MONASTERO AD-DAIR

PALAZZO DEL SACRIFICIO

Hotel Petra guest house 140 euro

DESERTO WADI RUMM –  113 KM – 1 NOTTE

Wadi Rum Bedouin Camp euro 60

Hotel Arabian nights 35 euro

AQUABA MAR ROSSO – 70 KM – 1  NOTTE

Castello aquaba

AYLA GOLF CLUB

https://www.ayla.com.jo/en/live/hotels/

Hotel Movenpick resort spa TALA BAY 115 euro

Al Manara, a Luxury Collection Hotel, Saraya Aqaba

MADABA – 340 KM – 1 NOTTE

Strada del ritorno Desert High way

Visita cittadella di AMMAN

Cena ristorante HARET JDOUDNA MADABA

reservation@haretjdoudna.com

http://www.haretjdoudna.com/contact.html

Hotel Mosaic city 80 euro

RITORNO AEROPORTO

“Il viaggio è una specie di porta attraverso la quale si esce dalla realtà come per penetrare in una realtà inesplorata che sembra un sogno” – Guy de Maupassant –

Thailandia, tra mercanti e pirati

“Arriviamo a Bangkok di sera, sfiniti dalle tante ore di volo, ma non resistiamo e decidiamo comunque di uscire e passeggiare un po’ tra le viette del centro storico… colori e profumi, decine di bancarelle con pentoloni fumanti strapieni di pesce, di salse, di nuddols … e poi ancora spiedini di carne e di frutta .. e di scorpioni, vermi e cavallette! No questi ultimi non li abbiamo assaggiati, non ci siamo riusciti.

Andiamo a dormire con il buon odore di curry ed incenso ancora tra i capelli.

L’indomani sveglia all’alba, prima tappa città di Samut Songkhram, il mercato galleggiante di Damnoen Saduak. È mattino presto e molte delle bancarelle devono ancora aprire, ci gustiamo il silenzio e la calma del momento, i primi timidi sorrisi dei venditori, i loro sbadigli, le prime serrande che iniziano ad alzarsi, le prime barchette colme di oggetti, spezie, pesce che iniziano a dondolare nell’acqua.

Dopo meno di un’ora l’atmosfera inizia a cambiare, il mercato si riempie di gente, di urla, richiami, odori ed il fiume si trasforma in una strada trafficata a doppio, triplo senso, in un via vaI di barche colorate.

Ci spostiamo poi all’altro mercato poco distante, il Maeklong Railway, sulla ferrovia. Inizialmente non credevamo possibile che il treno passasse proprio in mezzo ai banchetti dei venditori ambulanti, ma quando abbiamo sentito il fischio assordante del gigante che arrivava, i carretti spostarsi, le tende abbassarsi, i bottegai spostare secchi e ceste pieni di merce, ci siamo dovuti ricredere.

A bocca aperta abbiamo visto il treno passare lì, in mezzo a tutti noi ad un paio di centimetri da noi! … e subito dopo, in pochi secondi, tutto sistemato, tutto di nuovo come prima…i cesti di frutta, i carrelli di carne, i secchi di pesce, erano di nuovo lì, al loro posto tra i binari, di nuovo tra la folla.

Ed eccoci, scendiamo da uno smelangolato tuc tuc con  la musica a tutto volume, per ritrovarci tra mosaici variopinti, campane giganti, buddha dorati, distesi, imponenti del palazzo reale, tra i canti e le preghiere dei monaci, tra le statue, le pagode e le rovine dei tempi di Ayutthaya, in groppa ad un elefante.

Una passeggiata tra le viette di Cina Town, dove si respira un’aria di vecchie usanze, di leggende, un labirinto magico di cibi, cucine, botteghe, stoffe, piume e negozietti colmi di gioielli d’oro appesi su tutte l e pareti.

Dalla più tradizionale e folcloristica Bangkok ci ritroviamo poi catapultati nella sua più moderna realtà, dal 62° piano del palazzo di Le Bua-Sirocco possiamo ammirare tutte le luci della città e scoprire che questa è anche una splendida metropoli in piena crescita, ricca di storia e tradizioni e prontissima al futuro, a stare a passo con i tempi.

Dopo quattro giorni, prendiamo un autobus notturno che in 12 ore circa ci porta dall’altra parte più a sud della Thailandia, a Krabi.

Percorriamo 800 km tra traffico e strade allagate dalla pioggia e tra una dormitina ed una sbirciata curiosa ai meravigliosi paesaggi dal finestrino, finalmente all’alba arriviamo a destinazione.

Lo scenario è ovviamente tutt’altra cosa, a farne da padrone ora non sono più templi e grattacieli, ma solenni e maestose montagne circondate da acqua cristallina e misteriose foreste che ci faranno da sfondo per i prossimi giorni.

Grazie ai passaggi dei barcaioli dai visi segnati dal sole e gli sguardi sempre sognanti immersi tra cielo e mare, raggiungiamo tutte le varie isole della zona: Ao Nang, Railay West, Phi Phi… ci sentiamo come pirati maledetti che vìolano le più belle lagune e spiagge del mondo ricche di tesori nascosti…. Maya Bay, Bamboo, Loh Dalm posti incantanti dove il tempo sembra essersi fermato, dove le sfumature dell’acqua variano tra l’azzurro del cielo e si confondono con il verde smeraldo delle giungle tutt’intorno.

Ci sentiamo impavidi esploratori passando con le nostre piccole barchette tra le rocce eterne, tra le onde che sbattono forte ai piedi delle montagne giganti, ritorniamo bambini a giocare con le mille scimmiette che corrono tra la sabbia di velluto, tra i coralli e le conchiglie.

Tutto intorno è pace, è natura, è mistero, è mare, è oceano senza confini.

Risuona ancora lontano l’eco di un mostruoso tsunami, i cartelli e le insegne per l’evacuazione, gli avvisi per le zone più a rischio…una terra colpita e ferita dalla sua stessa forza e bellezza, che è riuscita a rialzarsi e ricominciare più forte e più bella di prima.

L’ultimo giorno decidiamo di farci un tatuaggio, ricordo indelebile di questo emozionante viaggio e di questa fantastica terra.

Grazie Thailandia per il tuo coraggio, per i bei sorrisi e le parole gentili… grazie per il tuo cibo, le tue spezie i tuoi piatti tipici a base di curry e pesce fresco… per le mani esperte delle vecchie signore massaggiatrici, per quelle scure e rugose dei barcaioli, preziosi traghettatori… grazie per la tua unica ospitalità… grazie per il tuo mare tanto inquietante quanto affascinante.

Kop khun khrap! “

Dieci cose da fare assolutamente a Istanbul, più una da non fare.

Istanbul è una città magica dove, proprio come un incantesimo,  oriente ed occidente si fondono , dove sentirete le altoparlanti  intonare preghiere che vengono divulgate per tutta la città, dove potrete visitare tutte le piccole e sconosciute moschee gelosamente nascoste tra i vicoli, entrando sempre chiedendo prima il permesso, con tanto rispetto e devozione, indossando sempre un foulard che copra i capelli e ricordando che non tutti gli accessi sono consentiti alle donne.  Istanbul è dove potrete cogliere l’essenza più amabile, calorosa ed accogliente dell’Islam e l’inevitabile unione e aggregazione dei tempi moderni, delle influenze  cristiane ed ortodosse. Rispettare ed amare Istanbul , i suoi abitanti, i loro sguardi duri e profondi, le loro gesticolanti mani  ed i loro modi gentili significa rispettare ed amare il mondo intero e vedrete che questa città vi permetterà di farlo.

1 – Crociera al tramonto sul Bosforo per ammirare la stupenda e coloratissima skyline del porto e delle  sue magiche moschee;

2 – Fare un autentico bagno turco alla storica e splendida struttura Suleymaniye Hamami https://www.suleymaniyehamami.com.tr/ ;

3 – Visitare la moschea di Solimano ed il suo splendido panorama sulla città che ripaga pienamente lo sforzo impiegato per raggiungere la cima a piedi;

4 – Visitare la misteriosa Basilica Cisterna, vestirsi i da sultani e farsi fare un bel album di foto ricordo improponibili e favolose stile Aladino e le notti d’oriente;

5 – Visitare la stupenda basilica di Santa Sofia e i suoi numerosissimi gatti ,  gli  indiscussi padroni di casa;

6 – Visitare lo storico Grand Bazaar ed il coloratissimo Mercato delle Spezie e lasciarsi trasportare dai mille odori, tessuti, profumi, cianfrusaglie, ori, argenti, mosaici, gioielli, arazzi, stoffe, smeraldi, rubini, meraviglie;

7 – Visitare la fantastica Moschea Blu sia di giorno che di notte con le sue romantiche fontane danzanti illuminate;

8 – Visitare il sontuoso e ricco palazzo reale Topkapi, il suo giardino, i suoi tesori preziosi ed il suo sacro Harem;

9 – Assaporare tutte le prelibatezze culinarie: le piadine amorevolmente lavorate a mano dalle calde ed esperte mani delle vecchie signore, le mandorle caramellate, i fichi glassati, il curry, la curcuma, gli sformati fumanti e profumati di melanzane e poi ancora il loro unico fantastico Kebab, i mille gusti fruttati delle essenze da fumare con il narghilè, il panino allo sgombro da mangiare in piedi per strada nella zona del porto. C’è un ristorante stupendo dove si possono gustare tutte queste ghiottonerie comodamente seduti per terra tra morbidi tappeti e cuscini colorati, si chiama THE HAN e si trova proprio al centro storico +902125266262;

10 – Assistere alla venerabile danza dei Dervisci Ruotanti presso il teatro Hodjapasha ( da prenotare in anticipo https://www.hodjapasha.com/en/ ), sarà un’esperienza molto profonda e mistica.

…. A questo punto vi starete chiedendo qual è la cosa da non fare ad Istanbul?  Sicuramente è di non avere pregiudizi, ma questo vale per ogni posto che si ha il piacere e la fortuna di visitare nel mondo, la cosa assolutamente da non fare ad Istanbul è …. baciarvi per strada! Si avete capito bene, baciarvi…soprattutto nei dintorni o peggio ancora all’interno di una moschea. Troverete dei divieti sparsi per strada, ma presi dalla passione e dalla cecità d’amore potreste non vederli, pertanto tenete conto di  questa piccola regola da seguire e cercate di scatenarvi con le vostre  eventuali  romantiche  effusioni in privato, magari prima di uscire dal vostro hotel!

“Non so di preciso cosa sia la magia, ma so che inizia sempre quando non te ne vuoi più andare. Dai luoghi, dai pensieri, dalle persone”.

The Yoga Barn

Siamo in Indonesia, nell’isola di Bali, precisamente siamo nella sacra Ubud.

E’ venerdì  e passeggiamo tra i templi, le statue di Ganesha, le offerte dedicate a Shiva e ci inebriamo del profumo intenso degli incensi ad ogni angolo della strada, tra i petali dei fiori ed i canestri di paglia minuziosamente annodati a mano colmi di fiori, doni, colmi d’Amore.

Si avvicina l’ora del tramonto e all’interno di una meravigliosa pagoda di paglia sta per avere inizio un sogno, un vero miraggio riservato a pochi. Accelero quindi il mio passo per arrivare un paio d’ore prima dell’inizio allo Yoga Barn, un centro spirituale di meditazione e benessere, intorno alle sei e mezza del pomeriggio infatti si terrà un evento speciale a cui non voglio assolutamente mancare, i posti sono limitati e pochissimi e chi arriva prima, attendendo pazientemente in fila, potrà garantirsi l’ingresso del paradiso.

Ce l’ho fatta, sono tra le prime persone giunte, mi siedo a terra, contemplo il magnifico spazio verde intorno a me, l’odore sacro dello Jepun, degli oli essenziali, inebriata dall’eccitazione del momento e dal palo santo acceso vicino a me.

Finalmente si aprono le porte, salgo le scale, vado su,  tolgo e scarpe, a piedi nudi  fino alla grande stanza  che sa di  candele e fragranze delicate,  dal pavimento di legno, il soffitto di fuscelli intrecciati, senza pareti ed entro nel luogo dove si terrà l’ecstatic dance.  Piano piano la sala si riempie, dalla consolle il deejay inizia ad accennare i primi bit, ci sono dei ragazzi che suonano le percussioni, il ritmo si fa via via sempre più intenso, travolgente, estatico. La musica sembra rapire ognuno di noi, restare fermi è impossibile, le braccia, le gambe, la testa, iniziano a muoversi autonomamente, gli occhi si chiudono ed inizia, inizia il viaggio.

Spontaneamente tutto il corpo si muove,  pulsa, vibra in una danza fatta di asana armoniose, perfettamente legate tra di loro, tra te e tutte le persone presenti lì, lo yoga si fonde al ballo, il respiro si fonde ai bassi della cassa ed il battito del cuore si armonizza ai colpi scanditi del bongo, gli accordi della musica sono gli stessi delle anime danzanti e si crea la vera unione, il vero significato dello yoga, dell’estasi pura, limpida, dell’amore incontaminato verso l’universo, la terra, verso tutta la splendida Bali, i movimenti sono vivi, nascono da dentro, embrionali si muovono trascinando con sé ansie, preoccupazioni, si spengono e muoiono nella loro  cadenza naturale, per poi rinascere in nuovi gesti primordiali suggeriti dal nostro stesso cuore,  è lui che danza, non il corpo, il corpo è solo uno strumento, un tramite, un messaggero, è  il tempio.

È così che anime vaganti si ritrovano insieme a sorridere,  volare, ballare, come guerrieri di luce in una preghiera collettiva che risveglia i sensi e le coscienze, si crea un miracolo, un piccolo grande prodigio che diffonde gioia, energia positiva e buoni propositi. C’è bisogno di così tanto amore! Se ogni luogo nella terra avesse la sua Bali, la sua Ubud, il suo Yoga Barn ed i suoi venerdì sera al suono dell’ ecstatic dance  allora si che  il mondo  sarebbe un posto migliore.    https://www.theyogabarn.com/

Namasté.

Nello Yoga andare oltre è una morte, devi morire perché possa nascere il tuo essere reale. Osho

Luxury Lapponia

Voli FINNAIR periodo MARZO

Cosa mettere in valigia

Tute da sci, giacca a vento, dopo sci, cappelli, guanti, calzamaglie e calzettoni di lana, abbigliamento tecnico da montagna, costume da bagno per la sauna.

Libri consigliati

La verità del ghiaccio – Dan Brown

Gli uccelli – Tarjei Vesaas

Unico consiglio

Questo non è solo un semplice viaggio, è una vera e propria esperienza da fare almeno una volta nella vita, quindi l’unico consiglio che vi do è: fatelo. Provate questo mini viaggio di lusso, mettete da parte i vostri risparmi, rinunciate al ristorante per un periodo, comprate un biglietto della lotteria, insomma qualsiasi sia il vostro metodo per potervi scansare un bel gruzzoletto, perché è questo che ci vuole un bel gruzzoletto, cercate assolutamente di farlo e prenotate minimo 3 notti in Kelo Cottage all’hotel Kakslauttanen nell’incantevole Lapponia finlandese. Costo complessivo circa 2.000 euro a persona.

https://www.kakslauttanen.fi/it/

Viaggio

Abbiamo volato con l’impeccabile compagnia aerea Finnair scalo Helsinki destinazione Ivalo e già solo l’atterraggio tra la neve al piccolissimo e praticamente deserto aeroporto ghiacciato  di Inari è valso tutto il viaggio. Ritrovarsi in mezzo alla pista completamente bianca, in quel posto remoto a – 40°c e senza praticamente niente e nessuno intorno è stata già di per sè un’emozione degna di essere vissuta.

È ormai buio, saliamo nel mini bus del nostro resort, avendo precedentemente accordato il pick up ed iniziamo il tragitto di circa un’ora che ci porterà al nostro paradiso di ghiaccio, nel frattempo passare di notte in mezzo a stradine e boschi così abbondantemente innevati per noi è già esilarante e surreale, avremmo dovuto aspettare le prime luci dell’alba per renderci veramente conto del magico contesto in cui eravamo immersi. Nel frattempo appena entrati al calduccio del nostro Kelo Cottage siamo rimasti a bocca aperta dalla bellezza ineguagliabile di quella che sarebbe stata la nostra casa per i prossimi giorni.

Tutto in legno dentro e fuori, persino i mega lampadari a forma di corna di renna, una stanza enorme con un  bel tavolo grande, un lettone dalle belle coperte morbide rosse, una romantica sedia a dondolo proprio di fronte alla finestra, un caldo ed accogliente caminetto in pietra e dulcis in fundo un’altra stanza con un altro bel lettone completamente fatta di vetro, un enorme igloo tutto trasparente, dalle pareti al soffitto, dove si potevano ammirare tranquillamente comodi comodi dal tepore della camera, il cielo e le stelle. Dormire lì quella prima notte è stato uno dei momenti più suggestivi ed emozionanti di tutta la mia vita, ancor di più quando in piena notte, verso l’una per la precisione, mi sono svegliata di scatto e all’improvviso sopra ai nostri occhi è comparsa Lei, l’unica,  impareggiabile,  regina indiscussa, l’Aurora Boreale. Non so come ho fatto a svegliarmi, perché proprio in quel preciso prezioso attimo ho aperto gli occhi stanchi ed ho guardato verso l’alto, so solo che quando inaspettatamente il cielo si è fatto verde intenso il mio cuore ha iniziato a battere forte, poi una sensazione di disagio ed inquietudine iniziale causata dallo sconosciuto e dall’ignoto ha lasciato subito posto alla meraviglia, allo stupore, alla gratitudine e ora so che abbiamo ricevuto il più bel  regalo che l’universo potesse offrirci . Ammetto che siamo stati molto fortunati, non è così facile vederla, immagino ci sia stata una sorta di connessione con il divino, ammetto che io di mio un po’ strega lo sono stata sempre J,  fatto sta che per noi  grazie soltanto a questa notte magica il viaggio era già più che ripagato!

All’interno del resort, tra boschi e foreste candide ci si spostava esclusivamente con lo slittino, ed era bellissimo e insolito iniziare la giornata andando a fare  colazione a bordo di un bob di legno, fuori da ogni cottage ce n’era almeno uno parcheggiato, sarebbe stato il nostro nuovo mezzo di trasporto per questi giorni indimenticabili.  Abbiamo fatto la splendida escursione con gli husky che ad una velocità elevatissima ci hanno trasportato come fossimo sacchi di patate all’interno di stradine innevate altrimenti irraggiungibili, sfrecciavamo in mezzo agli alberi, su piccoli tunnel ghiacciati solcati dal nostro passaggio, ci siamo fermati a bere un thè bollente in una tenda accampata in mezzo ad una vallata tutta bianca, scintillante, i granelli di neve che svolazzavano tutto intorno, brillavano al sole come tanti piccoli diamanti e guardando verso l’orizzonte infinito il cielo sembrava avere sfumature rosa e dorate.

Il resto della giornata lo abbiamo trascorso a passeggiare in mezzo alla natura incontaminata, immacolata, tra paesaggi verginali e sconfinati, tra il silenzio puro della neve e della selva imbiancata che ci circondava.

Abbiamo poi fatto una gelida escursione notturna a bordo di un’enorme slitta trainata da bellissime ed affascinanti renne,  girare di notte  tra i boschi  a -50°c a caccia dell’aurora boreale  è un’esperienza estremamente emozionante, glaciale, malgrado fossimo coperti con dei plaid di lana avevamo i piedi congelati e appena tornati alla base ci siamo riscaldati bevendo un’ottima vodka finlandese e facendoci una rigenerante sauna in camera.

L’ultimo giorno abbiamo preso l’autobus di linea che ci ha portato fino al centro del piccolo paese, dove è facile incrociare bambini e neonati dalle guance rosse trasportati da piccoli slittini, imbottiti in tutone e piumini  più grandi di loro, nonché manifesti di band popolari dai nomi impronunciabili  in concerto.

All’interno del supermercato locale è facile trovare carne in scatola di renna, daino e perfino di orso, quest’ultimo tipo non abbiamo avuto il coraggio di provarlo, ma devo ammettere che la carne di renna, malgrado il mio ricordo vada ai loro occhioni dolci di quando la sera precedente le accarezzavo amorevolmente,  è particolarmente buona e si anche tenera, proprio come il loro sguardo languido.  🙂

Per l’ultima incantata sera abbiamo deciso di prendere la cena da asporto e di godercela nel nostro splendido cottage davanti al caminetto accesso, con una buona bottiglia di vino rosso e sotto il nostro  magico soffitto di vetro.  E’ fu così che, per la nostra ultima notte in questo mondo sognante, madre natura ha deciso di salutarci come si deve con la sua mano fatata, con i suoi riflessi smeraldo,  e sussurrarci  la buonanotte più  melodiosa che mai, eccola di nuovo,  imprevedibile e fugace,  sua maestà l’Aurora Boreale e noi con gli occhi lucidi e il cuore colmo di stupore e Bellezza l’abbiamo desiderata, amata, ringraziata ed impressa per sempre nelle nostre anime erranti.

L’Aurora è il tentativo del Volto Celeste di simular per Noi l’Inconsapevolezza della Perfezione.

 Emily Dichinson